FANDOM


Tryphon
Tryp1
Ultima apparizione Fratelli di Sangue
Relazioni Eraclio (Comandante)
Adherbal (Compagno)
Castus (Compagno)
Stato Deceduto
Attore Antonio Poutoru

Tryphon è uno dei pirati cilici che giungono a Sinuessa occupata dai ribelli ed apparso esclusivamente in Spartacus: La Guerra dei Dannati.

Apparenza FisicaModifica

Tryphon è un uomo tarchiato e di bassa statura, ha un viso rotondo e l'espressione sempre corrucciata, larghe narici, gli occhi piccoli e incavati con un alone scuro attorno, è completamente calvo ed una leggera barba sul mento, infine porta degli orecchini fatti con piccole ossa di animali.

Per quanto riguarda l'abbigliamento indossa una semplice corazza che ricopre il busto di colore giallo/ocra ed impresse le figure di squali neri divisi da un reticolato al centro sempre dello stesso colore. Una toga striata ancora gialla e nera all'esterno e scura all'interno posta sulle spalle ed appoggiata sulle braccia, una lunga striscia di tessuto nero logorato dal tempo e rifinito con numerose venature di vari colori anch'esso situato attorno al collo accompagnato da una specie di medaglia a forma triangolare con inciso volgarmente un profilo umano con la cresta e la bocca spalancata che aspetta dall'altro lato un fallo maschile, il tutto termina con dei piccoli gambaletti ai piedi.

Come arma possiede un lungo arpione ed una spada a lama ricurva.

La Guerra dei DannatiModifica

Spartacus3x03 0273

Tryphon compare per la prima volta insieme agli altri pirati cilici quando vengono accolti dai ribelli dentro le mura della città di Sinuessa occupata.

Spartacus3x03 0482

Tryphon brinda per l'accordo ottenuto con i ribelli

Il comandante dei briganti Eraclio riferisce a Spartacus il suo accordo segreto con l'Edile per l'aiuto offerto contro i nemici in cambio dell'uso del sigillo per autenticare i sequestri sulle navi mercantili senza incorrere in eventuali sanzioni. I due comandanti si accordano di scambiare l'oro dei romani con del cibo e per questo motivo Tryphon e gli altri pirati partecipano insieme ai ribelli alle celebrazioni per sancire definitivamente il loro accordo di collaborazione.

Spartacus3x03 0881

Quando i pirati ed i ribelli si trovano la sera stessa uno di fronte all'altro per concludere l'accordo sulla spiaggia, Tryphon partecipa valorosamente al combattimento contro il piccolo contingente romano guidato da Tiberio e Sabino fino alla definitiva ritirata dopo che le navi pirata sbaragliano con le loro balestre a lunga gittata l'intera formazione di supporto comandata da Mummius.

Al porto di Sinuessa, il giorno seguente, Tryphon aiuta i compagni a scaricare i viveri promessi ai ribelli mediante l'accordo stipulato in precedenza.

In seguito al piano organizzato da Spartacus per circondare l'esercito di Crasso dividendo le forze ribelli, il trace ordina a Sanus di accompagnare i pirati in Sicilia così da accumulare le risorse necessarie ma quando Eraclio ed i suoi uomini tradiscono i loro compagni per una somma di oro superiore è proprio Tryphon che uccide Sanus per mantenere fede al patto.

Spartacus3x05 0744

Tryphon colpito dal pugnale lanciato da Gannicus

Nel momento in cui Eraclio rivela il suo tradimento verso Spartacus ed i soldati romani escono dalla stiva della nave posizionata al porto, anche Cesare tenta di uccidere il trace conficcandogli un coltello dietro la schiena ma Gannicus vicino a lui riesce ad allontanarlo e dopo aver sfilato la lama dalla spalla del compagno e con un gesto fulmineo scaglia il pugnale contro Tryphon che viene trafitto direttamente al cuore e di conseguenza cade in acqua.

NoteModifica

  • Il nome di Tryphon è un riferimento al Re seleucide Diodoto Trifone che inizialmente regnò insieme ad Antioco VI sull'Antiochia di Siria in opposizione di Demetrio II Nicatore. Nel 140 a.C. depose Antioco e si impossessò del trono riuscendo a strappare la Celesiria a Demetrio per poi attaccare la Giudea per riportarla sotto l'antico dominio. Trifone è ricordato anche per aver dato ospitalità ai pirati cilici ed aver approfittato del loro aiuto per difendere il suo territorio e saccheggiare quello circostante. Negli ultimi anni riuscì a sconfiggere Gionata Maccabeo il Sommo Sacerdote della Giudea ma a causa dell'opposizione del popolo non poté consolidare il suo dominio, successivamente dichiarò che Antioco VI era morto a seguito di una operazione chirurgica per nascondere l'eventuale assassinio del giovane, infine quando fu attaccato e sconfitto da Antioco VII Evergete Sidete fratello di Demetrio si tolse la vita definitivamente.

ApparizioniModifica

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale