FANDOM


Peccati del Passato
SGOTAseason1e01.jpg
Titolo originale Past Transgressions
Numero 0x01
Data 21 Gennaio 2011 (USA)
25 Agosto 2011(Italia)
Writer Steven S. DeKnight
Director Jesse Warn
Successivo Graditi Ospiti

"Peccati del Passato" è il primo episodio di Spartacus: Gli Dei dell'Arena ed il quattordicesimo dell'intera serie.

TramaModifica

La serie si apre con il riassunto dell'ultimo episodio di Spartacus: Sangue e Sabbia con il massacro della Casa di Batiato da parte di Spartacus.

1.jpg
Batiato e Lucrezia sono tra gli spettatori durante un combattimento in una piccola arena. Un giorno luminoso, le folle fanno il tifo per lo spargimento di sangue. Batiato ha un gladiatore che partecipa ai Giochi e che considera di valore: Gannicus, che deve ancora combattere. Il lanista esprime la propria frustrazione per Tullio ed il Magistrato, Sestio, che non sono presenti sul palco, aveva sperato che sarebbero stati lì per vedere e testimoniare la gloria che avrebbe avuto il suo gladiatore. Batiato si sente come se dovesse essere lui a sedere sul palco tra quelli di alto rango, come Vezio, un giovane lanista, che riceve fischi dagli spalti. Con sua insoddisfazione, un altro gladiatore di Batiato perde con uno di Vezio. Un altro combattente entra nell'arena con i fischi della folla. Al contrario, Gannicus attraverso gli applausi è il chiaro favorito, suscitando una reazione selvaggia. Appare a proprio agio e di buon umore per la battaglia, armato di due spade e armatura leggera. All'ordine di Vezio la battaglia ha inizio.
2.jpg

Gannicus acclamato dal pubblico come Dio dell'Arena

Gannicus dimostra di essere un combattente di talento e ride molto forte di fronte all'avversario mentre para i colpi e risponde all'attacco, per un momento abbassa la guardia mentre viene distratto da una ragazza festosa sul palco e riceve un taglio ad un braccio, lui guarda la ferita con fastidio, infilza tutte e due le spade sul terreno e comincia a colpire l'avversario con i pugni. L'altro gladiatore viene poi abbattuto quando Gannicus afferra di nuovo le spade e lo colpisce prima allo stomaco e poi alla schiena, con la vittoria in mano Batiato gli ordina di rallentare per aspettare l'arrivo di Tullio e Sestio ma preso dalla folla non lo sta a sentire e gli taglia di netto la gola.

Qualche istante dopo Tullio e Sestio arrivano ad incontro terminato a Solonio, sopraggiunto di lì a poco ed essendo in rapporti amichevoli con Batiato lo conforta dicendo che almeno ha avuto un suo gladiatore nei Giochi invece lui nemmeno uno.

Sulla via del ritorno alla villa, Batiato e Solonio discutono su come distinguere se stessi come lanisti quando appare Gaia, lei e Lucrezia si salutano calorosamente e Gaia la informa che suo marito è morto e ha viaggiato da sola per visitare Capua quindi le due decidono di passare il pomeriggio insieme per parlare di tutto quello che è successo dall'ultima volta che si sono viste.

Crixus.jpg
La Nuova Arena di Capua è in fase di costruzione e Batiato e Solonio desiderano assicurare i loro gladiatori nei primi combattimenti, Tullio ha molta influenza per quanto riguarda la nuova arena grazie al proprio supporto di soldi e schiavi per la sua costruzione, poi mentre loro due stanno parlando notano uno schiavo di Tullio con il nome di Crisso che sta picchiando un altro uomo, nella speranza di conquistare il favore del rivale, Batiato offre 50 denarii per il suo acquisto.

Di nuovo al ludus, Gannicus si gode la ricompensa della sua vittoria e cioè donne e vino, i gladiatori tra cui Barca, Enomao e una nuova recluta Ashur finiscono il loro allenamento per la giornata, verso sera Melitta, la schiava personale di Lucrezia accompagna gli schiavi nella villa e raggiunge suo marito Enomao. Nel triclinio, Lucrezia e Gaia stanno discutendo dell'inaspettato ritorno di quest'ultima, Gaia afferma che è alla ricerca di un nuovo marito e che abbia molti soldi visto che le ricchezze del marito precedente sono diminuite, Lucrezia allora gli offre la sua ospitalità fino a che non avrà realizzato i suoi piani, grata della cosa Gaia consegna a Lucrezia un braccialetto e parla di altri piaceri che posso condividere insieme.

Nel frattempo, Crisso viene messo in cella insieme alle altre reclute cioè quelli che non hanno ancora guadagnato il Marchio della Confraternita, Ashur intrattiene una discussione con lui e Crisso dice di sognare di diventare un gladiatore infatti è lui che si è fatto notare colpendo l'altro schiavo appena ha sentito Batiato parlare di lotta e desidera solo combattere nell'arena e allenarsi duramente il giorno dopo e ascoltare tutto quello che gli viene insegnato, Dagan come spesso accade proferisce parola nella sua lingua che essendo siriano come lui solo Ashur capisce ed insulta volgarmente Crisso ma Ashur traduce invece le sue parole come complimenti. Quando Gannicus esce fuori tardi dalle sue stanze private la mattina seguente gli è concesso di allenarsi nel posto coperto dall'ombra al riparo dal sole, Crisso lo vede e si rende conto che deve diventare il Campione per avere questa serie di privilegi.

Il giorno successivo, Batiato esce da casa per andare al mercato ed Enomao
SpartacusGx01 0815 enomao.jpg
che sta recuperando dal suo ultimo combattimento con Teocoles da un anno, vuole tornare a combattere nell'arena, Batiato non si è mai pronunciato su questo allora per farsi notare di essersi ristabilito durante l'allenamento attacca brutalmente Barca, nonostante questo Batiato non mostra nessun segno di impressione e anzi gli dice di allenarsi insieme a Crisso.

In città Batiato va in un negozio che è frequentato da Tullio e i due si scontrano casualmente, Tullio offre a Batiato i soldi che gli ha pagato per Crisso meno il vero valore a maniera di scherno ed anche Vezio che è insieme a lui lo prende in giro, Batiato allora risponde che i suoi uomini possono sconfiggere qualsiasi uomo di Vezio anche "bendati", Vezio allora prende sul serio la sfida e organizza l'evento per la mattina seguente al mercato. In seguito Batiato chiama Enomao nelle sue stanze e gli chiede se il "Campione" è pronto o no per combattere, Enomao sbagliandosi pensa che il riferimento al "Campione" sia per lui e gli risponde di si,  poco dopo però capisce subito che era riferito a Gannicus e gli dichiara che anche lui è pronto nonostante la negativa possibilità di essere scelto, come ringraziamento per la sua onestà Batiato manda sua moglie Melitta nella sua stanza. Più tardi Enomao sente bere e cantare fuori dagli alloggiamenti, va fuori e trova Gannicus ondeggiare pericolosamente sul precipizio della scogliera con un'anfora di vino in una mano completamente ubriaco, ad un tratto scivola dando la sensazione di cadere per poi ridere del pericolo quasi corso, improvvisamente diventa sobrio per un attimo e dice a Enomao che dovrebbe essere lui quello che meriterebbe di combattere al posto suo.

Gannicus blind.jpg
Arriva il mattino e Batiato, la moglie Lucrezia e Gannicus accompagnati dal Maestro arrivano al mercato per la sfida, Vezio porta avanti il suo gladiatore Otho con una benda ricordando a Batiato le sue parole, nonostante lui credesse che fosse solo uno scherzo, sia Solonio, Vezio, Sestio e Tullio sono presenti ma anche se Batiato non vuole passare per codardo, non accetta la sfida per l'incolumità del suo miglior gladiatore invece Gannicus fa un passo avanti per prendere la benda ed accettare la sfida dicendo che non sarà una cosa difficile, "basterà indirizzare le sue spade verso l'odore di escrementi che emana". La provocazione fa arrabbiare Otho che cerca di attaccare sempre l'avversario facendo partire un grido di battaglia che consente a Gannicus di individuare sempre la sua posizione portando l'incontro a suo vantaggio, i due gladiatori si confrontano senza armi scontrandosi fisicamente, Gannicus non riesce a trovare il suo avversario ed all'improvviso viene colpito e steso a terra, Otho gli rifila molti colpi brutali poi trovando la spada ferisce Gannicus al petto ma quest'ultimo riesce ad afferrarlo e fargli cedere la presa, allora Otho afferra un chiodo e trafigge di nuovo Gannicus nel petto facendolo sanguinare, quest'ultimo lo spinge fuori e prende di nuovo le spade, anche Otho è di nuovo armato con la spada e lo scudo, Gannicus va all'attacco scansando poi un colpo con lo scudo e da terra afferra la gamba di Otho facendolo cadere poi salendo sulla sua schiena fa sbattere molte volte la mano per fargli cadere la spada con successo, quest'ultimo però si gira passando sopra di lui e cominciando a colpire l'avversario ma Gannicus lo afferra tentando una mossa di sottomissione e poi lo allontana, Otho afferra di nuovo la spada e tenta di colpire l'avversario ma manca il bersaglio e la spada rimane bloccata in una tavola di legno, allora Gannicus da dietro lo afferra per un braccio e gli fa sbattere ripetutamente la testa nella tavola fino a che poi non spinge il collo di Otho nella lama della spada incastrata squarciandogli completamente la gola, Tullio rimane impressionato dall'incontro ed invita Batiato più tardi al suo negozio.
SpartacusGx01 1535 gaia lucr.jpg

Quella notte dopo che Batiato ha lasciato il ludus per incontrarsi con Tullio, Lucrezia rimane sveglia con Gaia che tira fuori una piccola fiala di oppio di Cipro, lo offre a Lucrezia e lo versa un po' anche nel suo vino, poco dopo si ritrovano insieme sdraiate su un tappeto di pelliccia mentre si scambiano baci e tenerezze insieme.

Batiato e Tullio si incontrano nella macelleria di quest'ultimo, Tullio suggerisce che Gannicus può essere introdotto nel Primus dei Giochi della Nuova Arena e chiede un prezzo, Batiato chiede la somma che sarebbe necessaria per farlo combattere ma Tullio afferma che si riferisce al prezzo di vendita per l'acquisto del gladiatore e non per l'organizzazione dell'evento, Vezio appare da una stanza sul retro e Batiato si rende conto di essere stato ingannato. Gli offrono 200 denarii in cambio di Gannicus ma Batiato rifiuta e insulta Tullio, lo schiavo che accompagna Batiato viene ucciso e la borsa che trasportava viene usata per coprire la sua faccia poi viene
3.jpg
spinto fuori dal macello e preso a calci e pugni sia da Vezio che dagli altri schiavi, successivamente rimuovono la borsa e gli consigliano di riconsiderare l'offerta oppure saranno "esclusi dai giochi per sempre", alla fine Tullio con un sorriso arrogante sul viso urina addosso a Batiato.

Lasciano così Batiato steso e sanguinante a terra mentre guarda fisso il sole sorgere sulla Nuova Arena in costruzione.

NoteModifica

  • L'idea di questo prequel è nata da una conversazione tra il Produttore Steven DeKnight e John Hannah, quest'ultimo avrebbe avuto il grande desiderio di continuare a lavorare nella serie, detto questo ed alle condizioni di salute di Andy Whitfield hanno consentito all'attore di riportare il suo personaggio sullo schermo.
  • Originariamente era stato previsto un episodio flashback per la serie successiva già programmata ma alla fine è stato modificato nella miniserie prequel in questione.
  • La Nuova Arena rappresenta l'Anfiteatro di Capua comparso in Spartacus: Sangue e Sabbia.
  • Soltanto nella versione italiana di questa miniserie il Magistrato Sesto viene chiamato Sestio.
  • Il combattimento e le ferite riportate da Enomao contro Teocoles di cui dice di essersi ristabilito vengono mostrate nell'episodio "Scontro all'Ultimo Sangue" di Spartacus: Sangue e Sabbia.
  • Precedentemente alla scena in cui Gaia osserva Lucrezia e Batiato mentre fanno l'amore, la donna dice al marito "sono un donna fortunata ad avere un tale marito" facendo riferimento alle stesse parole pronunciate a parti invertite nell'episodio "Il Marchio della Confraternita" di Spartacus: Sangue e Sabbia.
  • Nell'ultimo incontro nella sala del bagno del ludus prima del combattimento con Teocoles nell'episodio "Scontro all'Ultimo Sangue" di Spartacus: Sangue e Sabbia, Spartacus dice a Crisso di non onorare le mura della Casa visto che combatte solo per uscire da lì e ritrovare sua moglie chiedendogli poi: "E' sempre stato così per te, anche quando sei stato portato qui, contro la tua volontà, e la tua vita ceduta per poche monete", Crisso risponde: "Non erano così poche" infatti come dimostrato in questo episodio il prezzo pagato da Batiato per comprare Crisso è stato molto superiore al suo attuale valore, l'unica cosa a cui Crisso non fa accenno è che ha scatenato la rissa al mercato proprio per farsi notare da Batiato e non comprato contro la sua volontà.
  • Nel combattimento di apertura con tre gladiatori, il secondo gladiatore è caduto nell'esatta copia della scena dove Valerio viene ucciso nel quinto episodio "Scontro all'Ultimo Sangue" di Spartacus: Sangue e Sabbia, il gladiatore ucciso è la stessa persona con la stessa armatura e stessi segni di sangue sul suo corpo, l'unica differenza è che la scena stessa è stata capovolta orizzontalmente per evitare che fosse troppo evidente ed è stata tagliata in un tempo breve mostrando semplicemente soltanto i piedi del gladiatore.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale