FANDOM


L'Egiziano
The Egypp1
Nome originale The Egyptian
Ultima apparizione L'Ira degli Dei
Relazioni Glabro (Comandante)
Ashur (Capo)
Abrax (Alleato)
Fimbria (Alleato)
Danus (Alleato)
Nileus (Alleato)
Stato Deceduto
Attore Stephen Dunlevy

L'Egiziano è il guerriero più letale a far parte del gruppo dei Mercenari di Ashur ed è uno degli antagonisti principali di Spartacus: La Vendetta.

Apparenza FisicaModifica

1330448335

L'Egiziano è una delle persone più alte comparse nella serie e probabilmente uno dei più muscolosi e prestanti in assoluto. I suoi lineamenti richiamano molto le sue origini rappresentate dallo stesso nome come per esempio il contorno degli occhi truccati di nero e la carnagione olivastra, la sua faccia è di forma rettangolare, la sua mascella è spigolosa e prominente ed il suo naso grande ed aquilino che gli conferisce uno sguardo serio ed imbronciato. E' sprovvisto di barba ma i suoi capelli di colore nero e ricoperti di treccine hanno origine da una attaccatura molto alta della testa che crea involontariamente una fronte altrettanto larga.

Per quanto riguarda l'abbigliamento indossa un gonnellino collegato ad un enorme cinturone formato da placche di bronzo ed ottone a proteggere l'addome e la gabbia toracica, due pezzi di stoffa legati tra loro su gli avambracci ed a volte usa delle polsiere che ricoprono il dorso delle mani e con disegnati due scarabei alati, invece come ornamenti possiede numerosi anelli sulle dita, una collana con appesa la lama di un piccolo pugnale ed infine due orecchini che circondano interamente tutto il padiglione auricolare.

La sua caratteristica principale è mostrata dalle tante piccole cicatrici verticali che vanno da spalla a spalla ricoprendo le clavicole e tutta la parte superiore del torace a causa delle ferite incise dallo stesso guerriero ad indicare il numero di nemici uccisi in combattimento.

PersonalitàModifica

Il tratto distintivo dell'Egiziano, oltre alla sua crudeltà, è la sua completa mancanza di emozioni che non traspare mai in qualsiasi situazione. Raramente proferisce parola come i suoi compagni e non si scompone nemmeno quando viene ferito o messo in difficoltà. E' fedele al suo comandante e porta sempre a termine il suo compito anche se essendo un mercenario è pronto a cambiare immediatamente lato ogni volta che l'offerta di denaro è maggiormente vantaggiosa.

Abilità nel CombattimentoModifica

L'Egiziano è dotato di due pugnali con la punta triangolare che tiene ai lati degli stivali ed una lunga spada composta dalla lama inizialmente diritta per poi curvarsi all'estremità come un falcetto disposta dietro la schiena.

E' uno dei guerrieri più forti, abili e tecnici di tutta la serie e le numerose cicatrici situate sul petto per ricordare i nemici uccisi ne sono la conferma.

  • Pugnale: Questa è
    E1ba01bc1fcff570737f48151b4f21c6--the-egyptian-spartacus
    l'arma prediletta dell'Egiziano che riesce a maneggiare con grande maestrìa. L'elevata tecnica di base e la dimensione ristretta consente al mercenario di essere letale contro qualsiasi avversario, può facilmente abbattere dei soldati romani addestrati ma anche guerrieri di grande levatura come Enomao, Crisso e Gannicus.
  • Spada: L'Egiziano è molto pericoloso anche con questa arma ma non essendo la sua preferita non può competere alla pari con gladiatori che usufruiscono dello stile del Dimachaerus. La sua difficoltà è data dalla maggiore distanza che c'è tra lui ed il suo avversario rispetto alla libertà di movimento che una doppia arma da taglio a lama corta gli può consentire.
  • Resistenza: L'abilità
    Spartacus2x08 1650
    che caratterizza di più L'Egiziano però è la sua durabilità, infatti oltre a non mostrare nessun tipo di emozioni è capace nello stesso momento di non risentire minimamente di qualsiasi tipo di ferita. Questa capacità la possiamo facilmente individuare la prima volta quando viene trafitto dalle frecce scagliate da Lucio Caelio ma che non arrestano per nessuna ragione la sua avanzata verso di lui oppure la sua reazione immediata a tutti i contrattacchi subiti dai capi ribelli.
  • Corpo a corpo: La sua stazza fisica e la sua forza naturale è sicuramente una opzione in più da usare durante un combattimento anche se questo non gli impedisce di usufruire di una discreta velocità di esecuzione che lo qualifica senza mezzi termini come uno dei guerrieri più temibili in circolazione.

La VendettaModifica

Spartacus2x06 0909

L'Egiziano esce dal pozzo dove era stato rinchiuso

Convinto il Pretore che per contrastare dei gladiatori addestrati c'è bisogno di guerrieri differenti dai semplici soldati romani, Ashur comincia a reclutare un gruppo di mercenari spietati e l'ultimo di questi è proprio L'Egiziano che compare per la prima volta quando viene liberato dai suoi compagni mentre è stato separato dagli altri detenuti a causa della sua indole violenta in fondo ad un pozzo posizionato al centro della prigione. A questo punto minacciate le guardie dal ruolo conferitogli da Glabro, il siriano getta una fune nel buco per farlo uscire e proporgli di unirsi al suo gruppo.

Successivamente come prova delle sue capacità collabora al massacro della villa di Sepius dove elimina ben sei guardie con i suoi doppi pugnali.

A causa della vendetta personale del Pretore, L'Egiziano partecipa alla crocifissione di Thessala, la schiava personale di Ilizia per aver proferito parole di sostegno verso Spartacus nella piazza del mercato sotto gli occhi di un infastidito Gannicus. La notte stessa Ashur scortato proprio dall'Egiziano e Abrax raggiungono il gladiatore al bordello della città per convocarlo da Glabro al quartier generale per discutere del rudio smarrito nell'arena.

Spartacus2x08 0444

Il giorno seguente raggiunge il bordello di Capua insieme a Glabro e gli altri mercenari in cerca di informazioni su Gannicus a causa del precedente rapimento della moglie ed appena entrati si rivolge a loro un cliente ubriaco che era stato cacciato dal proprietario chiedendo ancora del vino ed una donna, in quel momento L'Egiziano gli tronca il collo in pochi secondi con le mani poi minaccia di uccidere una prostituta stringendola per la gola, il gestore a quel punto cerca di risolvere la situazione dicendo che si intratteneva con la sua prostituta Marzia che lo stesso Pretore ha fatto crocifiggere ed ancora non ha ricevuto nessun risarcimento. Le sue parole alterano ancora di più Glabro che gli taglia la gola poi ordina ai suoi uomini di interrogare gli altri presenti.

La scena seguente viene rappresentata sottoforma di flashback nel racconto che Ashur fa a Lucrezia delle torture ed uccisioni effettuate nel lupanare e dove L'Egiziano viene mostrato mentre brandisce il suo pugnale insanguinato poco dopo aver ucciso uno dei clienti e con il sangue che ancora zampilla dalla sua ferita.

Spartacus2x08 1321

La notte successiva Lucio Caelio raggiunge il ludus ed afferma a Glabro che sua moglie è nelle mani di Spartacus, dopodiché dopo una serie di provocazioni riferisce ai presenti le condizioni di rilascio e che se non farà ritorno sano e salvo i ribelli la uccideranno, il Pretore a quel punto non può far altro che accettare ma quando Lucio tenta di andarsene L'Egiziano gli si para davanti, allora il vecchio romano ricorda a tutti i termini dell'accordo e Glabro ordina definitivamente di lasciarlo passare.

All'alba i soldati romani ed i ribelli si incrociano nella piazza del mercato di Atella come prestabilito ed il mercenario attende insieme ai compagni dentro il carro usato per l'ipotetico trasporto di armi da usare per lo scambio. Nel momento in cui gli uomini di Ashur attaccano quelli di Spartacus, L'Egiziano ingaggia un duello personale con Crisso e riesce dopo una serie di scambi a colpirlo prima con un pugno in faccia poi con un gancio sotto il mento che lo disorienta il tempo necessario per stenderlo definitivamente con una ginocchiata al volo.

Intanto Mira e Lucio intervengono nella battaglia ma Crisso che è ancora a terra viene attaccato dal mercenario che con un balzo gli punta il pugnale in mezzo agli occhi mettendolo in grossa difficoltà. In suo soccorso allora si precipita Lucio che scaglia una freccia nella sua gamba e Crisso approfitta della situazione reagendo con due pugni sul volto e liberarsi.

Spartacus2x08 1608

La freccia di Lucio nella coscia dell'Egiziano consente a Crisso di liberarsi dalla sua morsa

Nel momento in cui i rinforzi chiamati da Salvius con il corno stanno per giungere, i ribelli si ritirano ma il vecchio romano decide di mantenere la posizione e consentire ai compagni di fuggire, L'Egiziano invece rialzatosi si dirige verso di lui e nonostante venga trafitto dalle frecce numerose volte non arresta mai la sua avanzata. Appena sono uno di fronte all'altro, Lucio tenta di colpirlo con la punta della freccia nelle sue mani ma L'Egiziano lo ferisce al petto con i suoi pugnali. Vedendosi ormai spacciato, il vecchio ribelle ha il tempo di dire che è contento di non trovare la morte per mano di un romano e qualche istante dopo viene decapitato dal mercenario con un singolo colpo.

Poco dopo il ritorno di Ilizia al ludus, Glabro ed Ashur cercano di capire consultando la mappa quale possa essere stato il rifugio di Spartacus ed i dubbi vengono sciolti quando L'Egiziano arriva e parlando per la prima ed unica volta conferma che si tratta della testa di Lucio.

Spartacus2x09 2130

L'Egiziano ferisce Enomao in maniera permanente perforando il suo occhio sinistro

Quando Glabro ed i suoi soldati assediano il tempio, L'Egiziano fronteggia Enomao in cima alla scalinata ed i due si rendono protagonisti di un combattimento in cui entrambi con grande abilità neutralizzano qualsiasi affondo fino a quando il capo ribelle non perde la spada. Questo lo colloca in una posizione di svantaggio e lo costringe ad aprire la guardia, cosa che il mercenario sfrutta a pieno e dopo aver bloccato il suo braccio destro cerca di ucciderlo ma Enomao ferma la lama con la sua mano nuda che viene trapassata da parte a parte e la punta si conficca anche nel suo occhio sinistro, Gannicus intanto si accorge dell'accaduto e dopo essersi liberato di Ashur colpisce L'Egiziano con un calcio facendolo volare nel cortile del tempio ed avere il tempo di ritirarsi.

Nonostante tutto i soldati romani riescono a conquistare il covo dei ribelli costringendoli a trovare rifugio sopra le pendici del monte Vesuvio e per questo costruiscono anche un piccolo avamposto all'inizio del sentiero per bloccarli definitivamente in trappola. Presi dallo sconforto e dalla mancanza di cibo un gruppo di ribelli Germani attacca i soldati ma presto vengono tutti sottomessi. A questo punto è necessario l'intervento di Spartacus e degli altri per risolvere la situazione ed è proprio il capo dei ribelli che affronta L'Egiziano presente sul posto che dopo aver parato e schivato un doppio affondo lo atterra facilmente con un calcio, poi nel momento in cui è pronto a dargli il colpo di grazia sopraggiungono i rinforzi della Legione di Glabro ed il trace si ritira.

Spartacus2x10 0696

L'Egiziano passa dalla parte di Glabro senza la minima esitazione

Il giorno dopo al tempio Ashur racconta agli uomini i suoi piani futuri creando una scuola di gladiatori e loro saranno le sue prime reclute, nel frattempo Glabro viene a conoscenza da parte della moglie ritornata al suo fianco, del braccialetto di Sepius custodito dal siriano senza il suo permesso e che ha portato involontariamente all'attentato di Sepia alla sua vita. A questo punto Glabro accusa Ashur di averlo tradito quindi sia i soldati romani sia i mercenari sono pronti allo scontro armato fino a quando il Pretore ha una idea migliore e offre ai guerrieri terre e 1000 denarii ciascuno per la loro fedeltà. A seguito di questa proposta i suoi uomini passano simultaneamente dalla parte di Glabro scatenando la rabbia del siriano che per il tradimento subito comincia ad inveire verso di loro poi tenta di colpire L'Egiziano ma quest'ultimo lo disarma facendolo cadere in ginocchio ed infine pone uno dei suoi due pugnali alla gola sancendo la fine definitiva alla loro collaborazione.

Spartacus2x10 1647

Si ripete lo scontro tra L'Egiziano ed i ribelli Gannicus ed Enomao nella battaglia finale sotto al Vesuvio

Durante la battaglia finale nella foresta L'Egiziano uccide facilmente alcuni ribelli poi viene preso di mira da Gannicus ed i due si trovano finalmente faccia a faccia. Il combattimento sembra mettersi subito bene per il mercenario visto che dopo alcuni scambi riesce a colpirlo con un pugno ed infine a stenderlo a terra a causa della maggiore forza fisica dopo aver parato un suo attacco volante dall'alto verso il basso. Nel frattempo Enomao vedendo l'amico in difficoltà interviene in suo aiuto ed allontana il suo avversario ferendo L'Egiziano all'addome e sempre nello stesso punto ribadisce il colpo con un pugno stendendolo a terra.

Spartacus2x10 1691

Gannicus vendica la morte di Enomao con un colpo potentissimo che sfonda la sua testa

Il combattimento prosegue, Gannicus ed Enomao tornano in coppia ad affrontare il mercenario ed in un momento concitato, L'Egiziano riesce ad allontanare il primo ed a sorpresa trafiggere mortalmente il vecchio Maestro. Infuriato per l'accaduto Gannicus carica a testa bassa l'avversario e con una serie di calci volanti prende il sopravvento ed approfittando del momento favorevole riesce a disarmarlo infine mentre il mercenario effettua una capriola all'indietro per allontanarsi da quella situazione negativa, Gannicus lo raggiunge con un balzo e finalmente lo uccide conficcandogli al volo la spada nel cranio.

NoteModifica

  • Stephen Dunlevy oltre ad interpretare L'Egiziano ha svolto anche il ruolo di stuntman ed ha condiviso il cast con i suoi colleghi della serie in molte produzioni come il film Gabriel - La Furia degli Angeli con Andy Whitfield, oppure Accidents Happen insieme a Viva Bianca e Joel Tobeck, è presente in Le Cronache di Narnia - Il Viaggio del Veliero in compagnia di Shane Rangi e Nicholas Schodel, Suicide Squad con Jai Courtney e Alain Chanoine ma soprattutto ad Ellen Hollman in Shepherd's Blade, Il Re Scorpione 4 - La Conquista del Potere e The Secrets of Emily Blair.
  • Proprio grazie a questa interpretazione Stephen Dunlevy ed Ellen Hollman hanno instaurato una relazione sentimentale che li ha portati a convolare a nozze nel 2016.
  • Il pugnale appartenente a L'Egiziano è chiamato comunemente "pugio" e veniva utilizzato come arma ausiliaria o di riserva dai soldati romani, l'unica differenza è caratterizzata dalla larga lama triangolare tipica della zona iberica nella odierna Spagna centro-settentrionale. In seguito alla sua morte i due pugnali vengono utilizzati da Saxa interpretata proprio da Ellen Hollman a rinsaldare così ancora di più il loro connubio.
  • La sua spada invece è chiamata "khopesh" ed è riscontrabile al tempo della regione dei Sumeri di Canaan e l'Antico Egitto come una spada-falce, il suo uso cessò e fu ritirata dal servizio all'incirca nel 1300 a.C. quindi non più presente al tempo della serie.
  • L'Egiziano è l'unico antagonista della serie ad essersi scontrato sul campo di battaglia con tutti e quattro i Campioni dell'arena cioè Spartacus, Crisso, Gannicus ed Enomao, il primo è l'unico ad essere uscito vincitore nel combattimento uno contro uno.

ApparizioniModifica

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale