FANDOM


Durazio
Dur.jpg
Nome originale Duratius
Ultima apparizione Libertà Amara
Relazioni Quinto Lentulus Batiato (Padrone)
Enomao (Maestro)
Rhaskos (Amico)
Stato Deceduto
Attore Vincent Roxburgh

Durazio è un gladiatore della Casa di Batiato apparso esclusivamente in Spartacus: Gli Dei dell'Arena.

Apparenza FisicaModifica

Duratius hmmr.jpg

Durazio è abbastanza alto ed ha una corporatura muscolosa e delineata, è di carnagiona abbronzata e possiede dei capelli molto lunghi e neri legati tra loro con un piccolo laccio.

PersonalitàModifica

Durazio è un guerriero rispettoso infatti dimostra di avere una certa antipatia contro Ashur non ritenendolo all'altezza di tutti gli altri gladiatori, non si esime anche dall'insultare chi secondo lui possiede abilità inferiori alle sue, inoltre è molto sicuro di se e la sua personalità viene mostrata sempre dal suo sguardo fiero, digrignando i denti ed indurendo la mascella in segno di sfida.

Abilità nel CombattimentoModifica

Durante gli allenamenti Durazio usa sempre un grosso martello mentre quando si trova nell'arena in un combattimento ufficiale impugna l'ascia ed indossa un elmo Sannita che ricopre completamente la sua faccia e si delinea nello stile del Secutor.

SpartacusGx05 0575.jpg

Durazio contro Crisso durante il torneo

Durazio fa parte anche dei sei gladiatori che si sfidano a vicenda per onorare la memoria di Tito e soltanto in questa circostanza combatte impugnando la spada e lo scudo.

Al ludus si allena prevalentemente con il suo amico Rhaskos ed entrambi esprimono sempre la volontà di dimostrare a loro stessi di essere superiori l'uno a l'altro, la sua abilità nel combattimento è impressionante, che gli permette di confrontarsi anche contro avversari esperti e gli consente di raggiungere anche il primus dei Giochi della Nuova Arena, nonostante tutto durante il torneo istituito da Tito per decretare il nuovo Campione della Casa di Batiato viene sconfitto da un gladiatore non altrettanto esperto di lui come Crisso.

Gli Dei dell'ArenaModifica

Gota005 0141.jpg

Durazio compare per la prima volta accanto a Rhaskos in una sessione di allenamento dove Ashur viene atterrato da Dagan, i due amici parlano tra loro facendosi udire affermando che Dagan è di malumore proprio perché quello che credeva suo amico lo ha fatto concedere ad un romano durante la festa precedente, Ashur rialzatosi risponde alle provocazioni ma Durazio continua dicendo che se non fosse stato per Dagan a quest'ora sarebbe già morto.

SpartacusGx05 0538.jpg
Poco dopo Tito istituisce un torneo per decretare il nuovo Campione della Casa di Batiato e Durazio viene opposto a Crisso, i due entrano in posizione e dopo qualche avvisaglia si scambiano alcuni colpi, Crisso sembra essere in gran forma e costringe Durazio a difendersi con l'asta del martello dagli affondi alti e decisi dell'avversario che momentaneamente gli fa perdere la guardia e con un
SpartacusGx05 0586.jpg
calcio nel muscolo della sua gamba riesce a farlo cadere in mezzo agli altri compagni che in piedi uno accanto all'altro formano il quadrato su cui è lecito combattere, lo scontro va avanti ma non viene mostrato fino al momento finale dove Crisso para con il suo piccolo scudo i colpi potenti del martello di Durazio per poi aggirarlo alle spalle e dopo averlo afferrato per un braccio fa leva sulla schiena fino a farlo cadere a terra perdendo così l'incontro.

Nei seguenti combattimenti Durazio assiste gli altri compagni come aveva già fatto in precedenza.

SpartacusGx06 0090.jpg

Durazio accanto a Gannicus durante i funerali di Tito

Dopo la morte di Tito, Durazio si trova insieme agli altri compagni per onorare la memoria del padrone defunto ed è uno dei sei gladiatori che combatteranno tra loro per tributargli l'ultimo saluto.

Gota006 0946.jpg

Durazio viene ucciso da Caburus nei Giochi finali della Nuova Arena

Durazio compare per l'ultima volta durante i Giochi della Nuova Arena guadagnandosi il diritto di combattere nell'incontro finale, arrivato il momento resisterà per molto tempo agli assalti degli avversari egregiamente fino ad arrendersi alla furia di Caburus che lo uccide colpendolo in pieno con il suo grande scudo rettangolare, molto probabilmente a causa dei movimenti della sua testa è probabile che la potenza del colpo gli abbia causato la rottura dell'osso del collo portandolo alla morte istantanea.

NoteModifica

  • Vincent Roxburgh oltre a Durazio
    SpartacusGx03 1195.jpg

    Vincent Roxburgh dietro Enomao durante la rissa

    ha interpretato anche un altro gladiatore della Casa di Batiato durante Spartacus: Gli Dei dell'Arena, lo si può spesso notare nelle sessioni di allenamento e più precisamente mentre tenta di calmare Ulpius dalla sua furia quando il Maestro attacca Enomao dopo la sua destituzione, poi è uno dei gladiatori che saluta Tito Batiato al suo ritorno al ludus e successivamente quando assiste alla rissa scaturita da Auctus e Barca contro Ashur e Dagan dopo che i siriani mangiano alcuni colombi accuditi dalla coppia, Roxburgh si può distinguere anche se in questa occasione ha i capelli corti e la barba, dalle sopracciglia appuntite che lo stunt porta come consuetudine anche nella vita reale.
  • Vincent Roxburgh è stato la controfigura di Andy Whitfield in Spartacus: Sangue e Sabbia.
  • Durazio combatte nello stile del Secutor Sannita impugnando un'ascia durante i Giochi finali della Nuova Arena ma non compare nei combattimenti iniziali.
  • Durazio è il terzo ed ultimo gladiatore della Casa di Batiato a morire durante il primus dei Giochi della Nuova Arena.

ApparizioniModifica

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale