FANDOM


Arcadio
Arcadiop1.jpg
Nome originale Arkadios
Ultima apparizione Il Serpente Rosso
Peccati del Passato (Menzionato)
Relazioni Padre
Madre
Fratello
Marco Decius Solonio (Padrone)
Albinio (Nemico)
Spartacus (Rivale)
Stato Deceduto
Attore Non Accreditato
Doppiatore Campbell Cooley
Ray Park (Motion Comic)

Arcadio è inizialmente il miglior gladiatore della Casa di Solonio ed è conosciuto con il soprannome di Il Flagello di Atene, è apparso esclusivamente in Spartacus: Sangue e Sabbia ed è il protagonista del motion comic Upon the Sands of Vengeance oltre che la voce narrante degli altri tre episodi.

Apparenza FisicaModifica

Arkadiosf1.jpg

Arcadio si differenzia molto dal motion comic rispetto alla serie ma comunque si presenta come una persona non molto alta ma con un fisico asciutto, tonico ed abbastanza muscoloso, dalla sua spalla sinistra è presente una lunga cicatrice che percorre tutta la scapola per poi concludersi sul petto. La sua fisionomia facciale è tipicamente in stile romano, viso ovale, mascella pronunciata, orecchie appuntite e naso aquilino, infine possiede dei corti capelli neri posti sul davanti.

Per quanto riguarda il campo di battaglia, indossa un largo cinturone che termina con numerose frange di cuoio a coprire le parti basse ed una lunga manica segmentata che avvinghia interamente il braccio destro fino alla spalla. Conclude il suo equipaggiamento con un elmo a visiera bucherellata, largo sui lati a proteggere il collo, molto bombato nella parte superiore con la figura stilizzata di un viso femminile al centro, il cimiero non è separato ma è la continuazione dello stesso e circondato dalle parti da due piume di colore nero, infine da ricordare il grande scudo rettangolare con impressa la figura del suo famoso serpente rosso.

In Upon the Sands of Vengeance viene invece rappresentato sia da bambino che in età adulta con i capelli più lunghi e di colore castano.

PersonalitàModifica

In Spartacus: Sangue e Sabbia il carattere di Arcadio è come qualsiasi altro gladiatore che combatte nell'arena, arrogante verso i suoi avversari e bramoso di gloria davanti al suo pubblico.

Nel motion comic invece viene rivelata la vera spinta emozionale del personaggio fatta di sangue e violenza causata dal massacro della sua famiglia.

Utsov6.jpg

Arcadio che immagina di uccidere Albinio dopo la presentazione dei gladiatori

In seguito cresce e diventa un gladiatore soltanto per il desiderio di vendetta nei confronti di Albinio arrivando addirittura a vedere la sua faccia al posto di quella dei suoi avversari nell'arena. Sempre per questo motivo immagina ogni occasione possibile per poterlo uccidere anche a costo della sua stessa vita.

Nei suoi momenti finali riconosce di aver perduto l'occasione di soddisfare la sua agognata vendetta a causa di Spartacus e nei seguenti motion comic sposterà la sua attenzione nei suoi confronti e nella sua eventuale sconfitta.

Abilità nel CombattimentoModifica

Arcadio combatte nello stile del Mirmillone ed è dotato della spada e dello scudo rettangolare.

  • Spada: Fin da piccolo
    Arkf2.jpg
    Arcadio si dimostra molto abile con le spade di legno e grazie al suo lungo addestramento raggiunge il ruolo di miglior gladiatore tra quelli di Solonio. Nell'arena è spietato contro i suoi avversari e detiene principalmente la sua forza non tanto nell'uso delle armi ma nella forza di volontà che lo spinge fin da bambino consentendogli di sconfiggere avversari molto più grandi fisicamente di lui soltanto per esaudire il suo forte desiderio di vendetta. Questo sentimento però si rivelerà purtroppo per lui anche il suo principale punto debole a causa della mancata concentrazione necessaria che pagherà con la vita contro un avversario inizialmente debole e meno addestrato come Spartacus ma con una superiore determinazione data dal desiderio di ritrovare la moglie.

Upon the Sands of VengeanceModifica

Utsov2.jpg

La famiglia di Arcadio massacrata dai romani

Arcadio nasce in Grecia e vive pacificamente insieme ai genitori ed il fratello fino a quando, in un giorno apparentemente tranquillo, le truppe romane comandate dal giovane Legato Albinio massacrano la sua famiglia senza pietà dopodiché viene catturato e venduto come schiavo alla scuola di gladiatori del lanista Solonio.

Utsov5.jpg

Insieme ad altri bambini fatti prigionieri è costretto a combattere in cambio di cibo caldo e di un addestramento con la possibilità in futuro di diventare un gladiatore. Sempre con il ricordo della sua famiglia inciso dentro la sua mente approfitta dell'occasione anche grazie alla già elevata abilità nell'usare il bastone di legno con cui giocava con il fratello e quasi sempre risultava vittorioso, sconfigge i suoi avversari ed entra a far parte ufficialmente dei gladiatori di Solonio.

Utsov1.jpg

Arcadio conquista la gloria nell'arena

Il tempo passava ed Arcadio crebbe velocemente come anche la sua forza e la sua formazione che lo portava a sconfiggere avversari di statura fisica molto più grande fino a conquistare con le sue gesta nell'arena tutto il pubblico di Capua che gli tributava i dovuti onori acclamando il suo nome.

In The Beast of Carthage lo stesso Arcadio ricorda di aver un giorno affrontato Barca nell'arena e come caso raro essere uscito sconfitto dal combattimento.

Gli Dei dell'ArenaModifica

Nel primo episodio, mentre Solonio e Batiato attraversano le vie di Capua e confrontano i loro gladiatori, quest'ultimo menziona Arcadio come uno dei migliori guerrieri dell'amico.

Sangue e SabbiaModifica

Spartacus1x01 1068.jpg

Arcadio sfida Spartacus per il giorno seguente nell'arena

Arcadio compare per la prima volta nella serie quando viene presentato da Solonio il giorno precedente i Giochi in onore del Senatore Albinio.

Successivamente all'arrivo di Glabro, il Legato annuncia un ulteriore intrattenimento quando verranno giustiziati i prigionieri traci disertori. Nello stesso momento mentre Arcadio si sta allenando con un compagno si accorge dello sguardo di Spartacus nei suoi confronti e in risposta il gladiatore lo sfida indicandolo con la punta della spada seguito da un sorriso beffardo.

In realtà come rivelato nel motion comic, Arcadio è intenzionato segretamente a vendicarsi di Albinio ed uccidere più romani possibile prima di cadere dopo la presentazione di Solonio ma il suo intento viene sventato proprio dalla presenza inaspettata di Glabro e dei prigionieri.

Poco dopo Solonio propone al Legato di affidargli il compito di giustiziare i traci ed intrattenere il pubblico nei Giochi del giorno seguente e soprattutto lasciando il compito di farlo proprio ad Arcadio il suo miglior guerriero.

Giunto il giorno dei Giochi, Arcadio uccide la maggior parte dei prigionieri traci tra cui Drenis che reagisce all'avversario ma la superiorità di Arcadio è netta e dopo averlo steso a terra e ferito numerose volte, lo uccide tagliandogli la gola con un singolo colpo.

Utsov7.jpg

L'ultimo piano ideato da Arcadio per vendicarsi di Albinio alla fine dei Giochi

A questo punto manca solo Spartacus all'appello che ritarda involontariamente il segreto piano di Arcadio che è solo quello di uccidere Albinio lanciando la sua spada verso di lui nella tribuna.

Nonostante il contrattempo, Arcadio provoca il trace facendo riferimento alla sfida dichiarata apertamente il giorno prima ed in più Glabro fa introdurre altri 3 gladiatori per porre ancora di più in difficoltà Spartacus ma creando disappunto negli ospiti e nei cittadini per la contesa totalmente impari.

Spartacus1x01 1215.jpg

Spartacus uccide Arcadio evitando le "grandi sventure"

Lo scontro, tuttavia, ha inizio e i gladiatori colpiscono il trace ripetutamente compreso Arcadio che lo ferisce dietro la schiena mentre si trova ancora a terra, ormai la fine per Spartacus è vicina e rimane inerme in ginocchio davanti al gladiatore di Solonio, quest'ultimo volge lo sguardo verso Glabro che gli ordina di proseguire ed Arcadio è pronto a sferrargli il colpo finale quando improvvisamente alzando lo sguardo, il trace nota il serpente rosso impresso sullo scudo dell'avversario e ricordandosi le parole della moglie prima della loro cattura reagisce afferrando una spada ed infilza Arcadio nell'addome per poi squarciarlo rabbiosamente.

Utsov8.jpg

Gli ultimi attimi di vita di Arcadio

Negli ultimi istanti di vita, si rammarica dell'occasione perduta e della vendetta che ormai non può più essere portata a compimento, infine riconosce le potenzialità di Spartacus e della giusta acclamazione del pubblico nei suoi confronti nonostante l'augurio funesto di vendetta anche per lui come espresso numerose volte nei successivi motion comic.

NoteModifica

  • La storia di Arcadio si differenzia maggiormente tra la motion comic e la serie televisiva attraverso diversi punti:
    • La fisionomia fisica come descritto in precedenza.
    • Successivamente alla presentazione dei gladiatori durante la festa indotta il giorno prima dei Giochi dedicati ad Albinio, Arcadio sfida apertamente Spartacus puntandogli la spada mentre si stava allenando con un altro compagno, cosa che non avviene nel motion comic.
    • All'inizio dei Giochi possiamo notare il differente abbigliamento di Arcadio rappresentato dall'assenza delle due piume nere ai lati dell'elmo, l'assenza delle frange di cuoio in cambio di un semplice subligaculum grigio sorretto da due cinture, le ginocchiere posizionate solo sulle rotule e legate con dei piccoli lacci su i polpacci a differenza di quelle unite, infine la visiera dell'elmo di colore giallo.
    • Durante il combattimento contro Drenis, il prigioniero trace riesce a ferire Arcadio prima di essere ucciso, cosa che nella serie televisiva non avviene.
  • Il nome di Arcadio è un chiaro riferimento al suo luogo di provenienza identificato nella regione dell'Arcadia situata nel Peloponneso al centro della Grecia.
  • Un ulteriore riferimento può essere indirizzato verso il figlio omonimo dell'ultimo Imperatore romano Teodosio I che alla sua morte nel 395 ereditò il titolo coadiuvato dal fratello Onorio ed insieme divisero per la prima volta il regno in Impero Romano d'Oriente poi conosciuto anche come Impero Bizantino ed Impero Romano d'Occidente.
  • Durante la serie Arcadio viene sempre considerato il "miglior uomo" ma mai considerato come il Campione della Casa di Solonio.
  • Il corpo di Arcadio nascosto dall'armatura durante le scene di combattimento nell'arena è interpretato da Raicho Vasilev.

ApparizioniModifica

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale